My Name is Sara: Zuzanna Surowy e il film sull’Olocausto premiato a Giffoni 2019

Intervista video a Steven Oritt e Zuzanna Surowy, regista e protagonista di My name is Sara, film, premiato a Giffoni 2019. My Name Is Sara: Zuzanna Surowy in un’immagine del film My name is Sara, presentato, in anteprima mondiale al Giffoni Film Festival 2019 nella sezione Generator +13, prima opera di finzione di Steven Oritt, ha ottenuto il premio Premio “Percorsi Creativi”, assegnato dalla giuria CGS – Cinecircoli Giovanili Socioculturali. La pellicola, ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale, racconta la vera storia di Sary Guralnik, bambina polacca costretta a negare di essere ebrea per salvarsi dall’Olocausto. Nel ruolo della protagonista Zuzanna Surowy, esordiente: due occhi che bucano lo schermo e un talento da coltivare. Abbiamo incontrato la giovanissima attrice e Steven …
Precedente Guardiani della Galassia: Amanda Seyfried disse no ad un ruolo nel film Marvel Successivo Lady Gaga accusata di plagio per Shallow: lei nega e minaccia querele