Film Animazione Giapponesi che vi consiglio

Diciamo che in queste settimane vi farò una classifica dei Film sull’animazione Giapponese che ho visto e sopratutto che vi consiglio qui sotto vedete anche la trama con descrizione:

Da notare la trame sono prese dal sito http://www.studioghibli.it e dai altri siti che ho trovato su google la lista verrà sempre aggiornata

Da notare sono dallo studio ghibli alcuni film che sono un grande appassionato

Il mio vicino Totoro

Le sorelline Satsuki e Mei si trasferiscono insieme al padre in una nuova casa in campagna, in attesa che la madre venga dimessa dal vicino ospedale. Per le due bambine inizia un viaggio alla scoperta di un mondo sconosciuto, abitato da creature fantastiche: i nerini del buio, spiritelli della fuliggine che occupano le vecchie dimore abbandonate.

Lupia il castello nel cielo

La storia

La giovane Sheeta è tenuta prigioniera dal cinico colonnello Muska a bordo di un’aeronave diretta verso la fortezza Tedis. Durante il volo, in una notte rischiarata dalla luna, l’aeronave viene attaccata da una banda di pirati guidata dall’intrepida Dola, che vuole impossessarsi del ciondolo che la ragazzina porta al collo. Questo ha un valore inestimabile: permette di vincere la forza di gravità e localizzare la leggendaria isola fluttuante di Laputa, dove – si racconta – sono custoditi immensi tesori e un potere inimmaginabile.

Sheeta riesce però a fuggire, finendo tra le braccia di un giovane minatore di nome Pazu che, da quel momento, decide di proteggerla unendosi a lei nella ricerca dell’isola e dei suoi misteri.

Il Castello Errante di Howl



La storia

La giovane Sophie, 18 anni, lavora senza posa nella boutique di cappelli che, prima di morire, apparteneva a suo padre. Durante una delle sue rare uscite in città, conosce Howl il Mago. Howl è molto affascinante, ma non ha molto carattere… Fraintendendo la loro relazione, una strega lancia un maleficio terribile su Sophie e la trasforma in una vecchia di 90 anni. Prostrata, Sophie fugge e vaga nelle terre desolate.

Per puro caso, entra nel Castello Errante di Howl e, nascondendo la sua vera identità, si fa assumere come donna delle pulizie. Questa “vecchia signora”, tanto misteriosa quanto dinamica, riuscirà in breve tempo a dare nuova vita alla vec- chia dimora abitata solo da un giovane apprendista, Markl, e da colui che manda avanti il Castello, Calcifer, il demone del fuoco. Più energica che mai, Sophie com- pie dei miracoli. Quale favoloso destino la attende? Cosa succederà tra lei e Howl?

I sospiri del mio cuore

La storia

La storia inizia durante le vacanze estive del 1994 a Tokyo e narra di Shizuku, comune studentessa delle medie con una normale famiglia: padre, madre e sorella universitaria. Shizuku è appassionata di romanzi e spesso si reca alla biblioteca di quartiere per prendere in prestito numerosi volumi. Un giorno, nel prenderne in prestito alcuni, si accorge che nella tessera dei prestiti stranamente ricorre sempre un cognome prima del suo: Amasawa, ed incomincia quindi a fantasticare su chi sia questo ragazzo che sembra avere i suoi stessi gusti letterari.

Qualche giorno dopo, durante la sua consueta visita alla biblioteca, incontra sulla metropolitana uno strano gatto e decide di seguirlo; il felino la conduce in un quartiere ordinato e silenzioso sulla collina ed entra in un negozio di antiquariato. L’anziano proprietario mostra alla ragazza alcuni dei tesori del suo negozio, tra cui uno strano orologio e la statuetta di un gatto antropomorfo che chiama Baron. Shizuku fa anche la conoscenza di Seiji Amasawa, il nipote dell’antiquario, che altri non è che la misteriosa persona che leggeva i suoi stessi libri. Seiji ama tantissimo la musica e il vero obiettivo della sua vita è quello di diventare un bravo liutaio. Col passare dei giorni l’amicizia tra Shizuku e Seji si rafforza e approfondisce sempre più finché lui parte per un tirocinio di due mesi a Cremona presso un mastro liutaio per mettersi alla prova ed imparare a costruire violini. Nell’attesa del suo ritorno, anche Shizuku promette a sé stessa di testare le sue abilità scrivendo il suo primo romanzo.

Pom Poko

Questo film velo consiglio di guardare per primo in quanto vedete come è la realtà del mondo giapponese e sopratutto è ambientato nel periodo 1960 e 1980. E sopratutto c’è molta cultura nel mondo buddista tra cui il riferimento degli animali mitologici tra cui Kitsune e molto altro ed si deve seguire con attenzione.

La storia

Il lungometraggio narra della lotta dei tanuki per riconquistare la collina di Tama, nei pressi di Tokyo, strappata agli animali per farne un quartiere residenziale. I tanuki agiscono dapprima con le buone e poi con le cattive ma alla fine nulla possono fare contro la speculazione edilizia e la distruzione del loro habitat. Il carattere del film è quindi prettamente pessimistico-realistico.

Questo lungometraggio ci presenta moltissimi tratti caratteristici della cultura, religione e folklore giapponese. Il titolo stesso può essere difficilmente intelligibile ad uno spettatore non avvezzo alla cultura giapponese.

Il film si svolge nell’era Heisei. I protagonisti sono animali chiamati tanuki, un cane-procione, fisicamente simile al procione ma appartenente alla famiglia dei canidi. I tanuki sono molto diffusi in Giappone e in generale in tutta l’Asia ma non sono presenti in Italia. In Giappone le leggende vogliono che alcuni animali abbiano la capacità di trasformarsi, e si pensa che gli animali più abili siano i kitsune (volpi) e i tanuki. In Heisei tanuki gassen ponpoko, quindi, la capacità di trasformazione dei tanuki non è un mero espediente narrativo per rendere il film più divertente e appetibile, ma è la trasposizione cinematografica di una leggenda millenaria.

La parola Pompoko che troviamo nel titolo non è traducibile invece in italiano. Pom Poko è la trascrizione onomatopeica del rumore che producono i tanuki quando usano i loro stomaci (o i loro testicoli) come tamburi, credenza assai diffusa in Giappone.

La città incantata

La storia

Chihiro, una bambina di 10 anni, e i suoi genitori stanno traslocando, quando il padre della bambina prende la strada sbagliata. Pensando di aver trovato un parco divertimenti abbandonato il padre si addentra nel complesso per visitarlo, seguito dalla moglie e, a malincuore, da Chihiro.

I tre superano il letto di un fiume in secca e si trovano in una città composta interamente da ristoranti e locali, e su un bancone trovano un ricco buffet. I genitori si siedono e cominciano a mangiare, pensando di pagare quando si mostrerà qualcuno. Chihiro intanto esplora la zona e trova un grande complesso termale. Un giovane ragazzo, Haku, le ordina di andarsene, ma tornando indietro la bambina scopre che i genitori sono diventati maiali e che non riesce ad attraversare il fiume ormai in piena.

Kiki – Consegne a domicilio

La storia

Kiki è una giovane strega simpatica e un po’ maldestra. Come impone la tradizione, compiuti i tredici anni deve lasciare casa e partire alla ricerca di una città in cui svolgere un anno di apprendistato, così da dimostrarsi capace di rendersi indipendente.

In compagnia dell’inseparabile gatto nero parlante Jiji, a cavallo della scopa di sua madre corredata con la radiolina di suo padre, Kiki arriva nella grande città di Koriko, che bagnata dal mare e sovrastata da una splendida torre con l’orologio, rappresenta la città dei sogni di Kiki.

Ma la città ha in serbo molte sorprese per la piccola strega, prima fra tutte l’indifferente freddezza dei suoi cittadini. Armata del suo unico talento magico, quello di volare nel cielo, Kiki riesce faticosamente ad avviare un’attività di consegne a domicilio.

La conquista dell’indipendenza economica ed emotiva si mostra subito come un duro percorso di crescita per Kiki, che dovrà affrontare molte sorprese e tante difficoltà, sia fuori che dentro di lei…

Porco Rosso

La storia

In quella che Miyazaki Hayao definisce “l’epoca degli idrovolanti”, Marco Pagot è un ex-pilota che si è misteriosamente ritrovato nelle mutate sembianze di un maiale antropomorfo. Con il nome di battaglia di Porco Rosso, vola alla ventura sui cieli dell’Adriatico a bordo del suo idrovolante vermiglio, sfuggendo al giogo fascista e sbarcando il lunario come cacciatore di taglie. Ma l’arrivo del pilota americano Curtis, assoldato dai Pirati del Cielo, lo costringerà a nuove battaglie per salvare il proprio onore e quello di una radiosa fanciulla, per la riconquista di un perduto amore e della fiducia nell’umanità.

La ricompensa del gatto


Haru è una ragazzina che frequenta le superiori e un giorno per strada salva un gatto che sta per essere investito da un camion. L’animale si rivela essere non un comune randagio, bensì un principe chiamato Lune. Quando il padre, ossia il guardiano del regno dei felini, mostra la propria gratitudine alla giovane, questa incomincia a mostrare alcune caratteristiche fisiche molto particolari.

La Tartaruga Rossa

Risultati immagini per La tartaruga rossa

Un naufrago resta intrappolato su un’isola tropicale abitata da numerosi tipi di animali. I suoi disperati tentativi di fuggire vengono sistematicamente vanificati da una strana creatura marina, una tartaruga rossa.

Pioggia di ricordi

Io vi consiglio di guardare questo meraviglioso film in quanto fa vedere come è la vita dei giapponesi negli anni 60 e anni 80 in quanto si esplora il loro movimento culturale.

Nel 1982 Taeko, una donna di 27 anni, lavora come impiegata a Tokyo. Durante una vacanza torna in campagna, nella sue terre d’origine, a trovare dei parenti e ad aiutarli a raccogliere del cartamo. Durante il viaggio, inizia a pensare alla propria infanzia e viene sommersa dai ricordi fino a riscoprire se stessa.

Arrietty

La storia

Sotto il pavimento di una grande casa situata in un magico e rigoglioso giardino alla periferia di Tokyo, vive Arrietty, una minuscola ragazza di 14 anni, con i suoi altrettanto minuscoli genitori. La casa è abitata da due vecchiette, che naturalmente ignorano la presenza di questa famiglia in miniatura.

Tutto ciò che Arrietty e la sua famiglia possiedono, lo “prendono in prestito”: strumenti essenziali come la cucina a gas, l’acqua e il cibo; e ancora tavoli, sedie, utensili, o prelibatezze come le zollette di zucchero. Tutto viene preso in piccolissime quantità, così che le padrone di casa non se ne accorgano.

Un giorno Sho, un ragazzo di 12 anni che deve sottoporsi a urgenti cure mediche in città, si trasferisce nella casa delle vecchiette. I genitori di Arrietty le hanno sempre raccomandato di non farsi vedere dagli umani: una volta visti, i piccoli abitanti devono lasciare il luogo in cui sono stati scoperti. L’avventurosa ragazzina, però, non li ascolta, e Sho si accorge della sua presenza. I due ragazzi iniziano a confidarsi l’uno con l’altra e, in breve tempo, nasce un’amicizia…

La Collina dei Papaveri

La storia

Ambientato a Yokohama nel 1963, La collina dei papaveri è una storia d’amore i cui personaggi sono studenti delle scuole superiori chiamati ad essere la “prima generazione” di un “Nuovo Giappone”.

Dal momento che il Paese comincia ad uscire dalla devastazione causata dalla Seconda Guerra Mondiale, la nuova generazione lotta per costruire un futuro migliore, cercando però di non perdere i legami col passato che li ha resi ciò che sono oggi.

Tokyo Godfathers

Immagine correlata

Questo film ve lo consiglio di guardare è ambientato nel periodo di natale fine anni 90 sopratutto fa molto riflettere la tematica della società giapponese

In una Tokyo sepolta dalla neve si avvicina il Natale. Tre senzatetto, l’ex allenatore di ciclisti professionisti Gin, il travestito Hana e la giovane Miiyuki, rovistando nei cassonetti del quartiere di Shinjuku, vengono attirati da un pianto diperato. La Notte Santa è testimone di un evento eccezionale: i tre amici trovano uno splendido neonato. Gin propone di andare subito alla polizia per denunciare l’accaduto, mentre Hana, il cui istinto materno è chiaramente frustrato, sogna di tenerlo con loro e in cuor suo ha già trovato un nome al piccolo: Kiyoko. Dal momento che i soli indizi che possono ricollegare il neonato alla sua famiglia sono il biglietto di un bar e poche foto, i tre iniziano una turbinosa avventura in giro per la città alla ricerca dei genitori del bambino. Ma per consegnarlo al suo futuro, dovranno fare i conti con i fantasmi del loro passato…

The Boy and The Beast

Risultati immagini per Boy and the beast

Trama da wikipedia

Nel mondo delle bestie ci sarà presto un torneo per decidere chi sarà il nuovo Gran Maestro, la bestia che comanderà il regno, sostituendo quello vecchio (che si reincarnerà in un Kami). I due favoriti per questo torneo sono Iozen, una bestia cinghiale di grande onere e circondato da molti discepoli; e Kumatetsu, un orso (“Kuma” vuol dire orso) fisicamente più forte, ma irritabile, pigro e testardo, senza figli e senza alcun discepolo che lo voglia seguire.

Nel frattempo, nel mondo degli umani a Shibuya, Ren, un bambino di 9 anni (“Kyu” in giapponese), scappato di casa dopo la morte della madre, incontra per caso Kumatetsu per le strade di Shibuya; questi gli propone quasi per scherzo di diventare suo discepolo, ma, visto che il bambino non risponde, procede per la propria strada. Incuriosito, Ren lo segue e, attraverso un passaggio segreto in un vicolo, finisce nel mondo delle bestie dove incontra nuovamente l’orso, che insiste a volerlo come allievo. Poiché Ren rifiuta di rivelare il proprio nome, Kumatetsu e i suoi amici Tatara (una scimmia) e Hyakushubo (un maiale monaco) lo soprannominano Kyuta per la sua età. Il bambino è, però infastidito dalle maniere e dal carattere di Kumatetsu, e già il giorno dopo scappa, imbattendosi in Iozen e nei figli di quest’ultimo: il talentuoso figlio maggiore Ichirohiko, che dispone di poteri telecinetici, e il più giovane, Jiromaru.

Iozen e Kumatetsu, dopo un diverbio, cominciano a lottare furiosamente ma vengono fermati dal Gran Maestro, un anziano coniglio, che consente all’orso di prendere come discepolo il piccolo umano, nonostante il timore di molti degli abitanti del luogo: sembra infatti che nel cuore degli uomini possano albergare le tenebre che, se dovessero risvegliarsi, porterebbero morte e distruzione. Kyuta, assistendo all’incontro, si rende conto che Kumatetsu è solo come lui (egli è l’unico a parteggiare per l’orso durante lo scontro) e che è incredibilmente forte; decide quindi di restare per diventare egli stesso più forte.

Gli inizi, vista l’inesperienza di Kumatetsu ad insegnare, non sono facili. Kyuta cerca di diventare un buon allievo seguendo i consigli di Hyakushubu, ma i suoi sforzi si rivelano inutili. Maestro e discepolo, consigliati dal Gran Maestro, compiono un viaggio per tutto il mondo delle bestie, accompagnati da Tatara e Hyahushudo, per incontrare altri saggi maestri che possano aiutarli a comprendere meglio cosa sia la vera forza, ma sembra tutto inutile. Dopo un po’ Kyuta trova un modo per imparare, imitando ogni giorno i movimenti di Kumatetsu, fino a capire esattamente come si muova e ad arrivare a prevedere le sue mosse. Decide quindi di sfidare Kumatetsu e lo batte. Kumatetsu, comprende che forse il discepolo potrebbe aiutarlo a migliorare in vista della sua sfida e i due trovano così un compromesso: l’orso insegnerà al bambino a combattere, mentre Kyuta insegnerà al suo maestro a prevedere le mosse dell’avversario.

L’allenamento dura diversi anni, durante i quali Kyuta migliora al punto da poter battere e stringere amicizia con i figli di Iozen e gli altri ragazzi del posto, mentre Kumatetsu si ritrova con una lunga fila di aspiranti discepoli.

8 anni dopo Kyuta, ormai diciassettenne, dopo il solito litigio con il suo maestro, ritrova per caso il passaggio per il mondo umano. Ritornato a Shibuya incontra Kaede, una liceale dolce e colta, alla quale si presenta con il suo vero nome, Ren. Il ragazzo la difende da alcuni bulli che la stavano infastidendo, e lei in cambio decide di aiutarlo a migliorare nella lettura, e il rendimento scolastico in generale, in quanto Ren non ha più frequentato la scuola da quando era bambino.

Da quel momento, di nascosto da Kumatetsu, Ren/Kyuta torna saltuariamente tra gli umani dove studia insieme a Kaede, appassionandosi alla storia di Moby Dick; inoltre, cercando di iscriversi ad un esame che gli permetterebbe di accedere all’università, viene a conoscenza dell’indirizzo del padre, che, dopo lunghe riflessioni, deciderà di incontrare. Questi rivela di non aver saputo nulla della morte della madre di Ren fino a molto tempo dopo l’avvenimento, ma che non ha mai smesso di cercare il figlio, che vorrebbe conoscere meglio. Nel frattempo i rapporti con Kumatetsu diventano sempre più tesi, perché questi sente il ragazzo allontanarsi sempre di più, mentre il ragazzo è profondamente incerto sul proprio futuro: da un lato vorrebbe frequentare l’università e vivere con il padre “come un ragazzo normale”, ma dall’altro non vuole abbandonare il suo maestro; questo conflitto lo porterà ad accorgersi delle tenebre che albergano nel suo cuore (visibili come un vero e proprio “buco” nel suo petto), spaventandolo e rischiando di farlo impazzire. Tuttavia Kaede riesce a confortarlo, dicendo che anche lei porta delle tenebre nel cuore, come tutti, e gli regala il suo braccialetto per aiutarlo se dovesse sentirsene nuovamente sopraffatto.

Tornato nel mondo delle bestie, Ren/Kyuta scopre che il giorno successivo si terrà la sfida per decretare chi, tra Kumatetsu e Iozen, diventerà Gran Maestro; andando a far visita al suo amico Jiromaru, capisce inoltre che il fratello di quest’ultimo, Ichirohiko, è un essere umano, e che come lui sta rischiando di cadere vittima delle tenebre che porta nel cuore.

Il giorno della sfida arriva e Kumatetsu sembra non farcela e sta per cedere, scoraggiato, sotto colpi del rivale Iozen, ma Ren/Kyuta si fa largo tra la folla e incoraggia il maestro come aveva fatto tanti anni prima. Questi, rinfrancato, vince la sfida e viene incoronato nuovo Gran Maestro. Questo fatto però sconvolge Ichirohiko, convinto che una bestia così volgare o un umano (che lui non sa di essere) non possano meritare onori, facendolo cedere alle tenebre (che si rivelano essere la vera origine dei suoi poteri telecinetici): con i nuovi poteri trafigge Kumatetsu con la spada del padre per poi fuggire.

Iozen rivela di aver trovato Ichirohiko nel mondo umano quando era solo un neonato abbandonato dietro un vicolo, con una lettera che chiedeva di prendersene cura. Iozen decise infine di crescere Ichirohiko come figlio suo nel mondo delle bestie. Crescendo tuttavia egli non gli rivelò mai della sua vera natura di essere umano e di averlo sempre illuso che fosse anch’esso una bestia; questo però gli ha fatto perdere fiducia in se stesso, perché Ichirohiko si sentiva diverso dagli altri e mai abbastanza simile al padre. Iozen comprende che tutto ciò che è accaduto è stato per causa sua, non avendo mai parlato con Ichirohiko delle verità e delle ansie che lo attenagliavano. Ren/Kyuta, scoperto che ora il giovane rivale è nel mondo umano, si reca ad affrontarlo.

Prima di farlo cerca di dire addio a Kaede, consapevole che l’avversario potrebbe essere troppo forte. Ichirohiko però sceglie proprio quel momento per attaccarlo. Nonostante Ren/Kyuta cerchi di allontanare la ragazza, questa rifiuta di andarsene, ricordandogli quanto avere vicino le persone care sia importante nei momenti difficili. Durante lo scontro, a Kaede cade il libro “Moby Dick”, dal quale Ichirohiko trae l’idea di trasformarsi in una balena per inseguire i due per il quartiere di Shibuya. Kumatetsu intanto si risveglia dal coma e chiede la possibilità al Ex Gran Maestro di reincarnarsi in un Kami per aiutare il suo discepolo.

Intanto, nel mondo umano, Ren/Kyuta decide che l’unico modo per sottrarre dal cuore di Ichirohiko le tenebre è quello di assorbirle lui stesso dentro di sé per poi uccidersi, facendole così scomparire per sempre. Proprio quando il ragazzo si appresta a compiere l’estremo sacrificio, appare una spada, che si infila nel suo petto. Kumatetsu si è infatti reincarnato in uno Tsukumogami dalla forma di una Odachi, in modo da riempire il buco nel cuore del ragazzo. E grazie agli insegnamenti che il suo maestro gli ha trasmesso e alla rinnovata fiducia in sé stesso, questi riesce sconfiggere le tenebre che avvolgono Ichirohiko, restituendogli la sua umanità.

Ren viene festeggiato nel mondo delle bestie come eroe, e torna definitivamente da suo padre, cominciando l’università insieme a Kaede. Anche se non combatterà più, rimarrà il più grande spadaccino del mondo, perché, come ricordano Tatara e Hyakushubo (che fanno da voce narrante), nel suo cuore c’è la spada di Kumatetsu. Kumatetsu rimarrà dentro Ren vegliando sempre su di lui parlandogli e consigliandolo in caso di bisogno.

Ve lo consiglio di vedere perchè è fatto molto bene e sopratutto fa vedere la cultura nel mondo buddista.

Your Name

Risultati immagini per Your name trama

Trama da comingsoon

Il film ci accompagna nella vita di Mitsuha e Taki. Mitsuha è una studentessa che vive in una piccola città rurale e desidera trasferirsi a Tokyo, nella grande metropoli dove ogni sogno si può realizzare. Taki è uno studente di liceo che vive proprio a Tokyo, ha un lavoro part-time in un ristorante italiano, ma vorrebbe lavorare nel campo dell’arte o dell’architettura. Una notte, Mitsuha sogna di essere un giovane uomo, si ritrova in una stanza che non conosce, ha nuovi amici e lo skyline di Tokyo si apre dinnanzi al suo sguardo. Nello stesso momento Taki sogna di essere una ragazzina che vive in una piccola città di montagna che non ha mai visitato. Ma quale sarà il segreto che si cela dietro questi strani sogni incrociati?

La forma della voce

anime forma della voce recensione

Trama da https://www.fumettologica.it/2017/10/anime-forma-della-voce-recensione/

La forma della voce affronta con coraggio tematiche difficili e delicate, lo fa con un linguaggio che sta evidentemente incontrando il gusto del pubblico (in Giappone il film è stato campione di incassi) e, come si diceva all’inizio, rispecchia una metodologia di messa in scena specifica. È infatti palese come Yamada sia stata fortemente influenzata dall’opera di Makoto Shinkai, il regista di Your Name: entrambi immergono le loro storie in un contesto realistico, entrambi affrontano tematiche contemporanee e che mettono al centro l’uomo, entrambi optano per una regia attenta ai dettagli e che usa il montaggio in maniera funzionale.

Se è vero che la materia narrativa e concettuale rispecchia quella del manga di Yoshitoki Ōima, partendo quindi avvantaggiato, è altrettanto vero che La forma della voce eccelle nel saper dettare i tempi emozionali, grazie a un montaggio sincopato che alterna frammenti visivi a momenti distesi e poetici, sfruttando una colonna sonora coinvolgente.

Shinkai è quindi il riferimento ma non bisogna dimenticare che questo modo di raccontare, quasi postmoderno, è sicuramente figlio di Hideaki Anno (pensate a Le situazioni di Lui e Lei).

Akira

File:Akira film.jpg

Trama da wikipedia

Dopo la terza guerra mondiale, che ha distrutto Tokyo, nel 2019 l’intera città di Neo Tokyo è preda del caos: in questa città numerose bande di giovani motociclisti si sfidano tra gli aggrovigliati palazzi metropolitani in corse e sfide spesso all’ultimo sangue. In mezzo ad una piazza un uomo cerca di proteggere dalle forze di polizia uno strano essere che presenta il corpo di un bambino e il viso di una persona anziana. Alla fine dello scontro l’uomo viene ucciso sanguinosamente dall’imponente schieramento di poliziotti. Alla vista del sangue il “bambino” urla spaventato causando svariati danni ai palazzi circostanti con le sue grida, dopodiché svanisce sotto gli occhi degli increduli presenti.

Kaneda è un ragazzo saggio e altruista, a scuola non è molto bravo ma fuori è il leader di una delle bande di motociclisti composta da Kaisuke, Yamagata e Tetsuo. Quest’ultimo, il più giovane tra i ragazzi di Kaneda, prova un grande rispetto per lui, ma anche invidia nei suoi confronti, risentendo del fatto di non avere le stesse capacità del suo idolo e di essere costretto ad avere sempre un ruolo di secondo piano, cosa che lo porta anche a subire alcune prese in giro; Kaneda tenta di consolare Tetsuo dicendogli che è il più giovane, ed è solo questione di tempo prima che anche lui riesca a farsi rispettare da tutti.

Una notte, dopo un duro scontro in cui hanno dovuto fronteggiare una potente banda rivale, i ragazzi di Kaneda sono in fuga dalla zona di scontro tranne Tetsuo che nell’intento di inseguire da solo un gruppo di motociclisti si imbatte nel misterioso bambino inseguito dalla polizia. Tetsuo non riesce a evitarlo e la sua moto sembra scontrarsi violentemente contro una sorta di barriera qualche metro prima del bambino che rimane illeso, mentre Tetsuo in seguito all’esplosione della moto si ritrova dolente a terra; arriva immediatamente il suo gruppo, mentre assistono Tetsuo a terra vengono quasi subito interrotti dall’arrivo dell’esercito, capeggiato dal Colonnello Shikishima, che recupera il bambino e preleva Tetsuo moribondo. Kaneda e i suoi amici vengono arrestati dall’esercito e portati nel commissariato di polizia. Nel frattempo il ragazzo è stato portato in un ospedale militare e sottoposto a strani trattamenti medici che riescono a curare le sue ferite. Il dottore che lo ha in cura si stupisce delle capacità mentali del ragazzo, e dopo averne parlato con il generale si reca in un misterioso sotterraneo in cui è presente una gigantesca macchina dotata di un oblò illuminato recante la targhetta Akira sopra di esso.

Kaneda e la sua banda vengono rilasciati dalla stazione di polizia, portando con loro una ragazza di nome Kay, una ribelle, da cui Kaneda è evidentemente attratto, ed a quel punto cercano di rintracciare il loro amico disperso Tetsuo per scoprire se sta bene. Kay riesce a divincolarsi dal gruppo e scomparire. Kaneda tuttavia non si dà per vinto e la ritrova durante un attentato ad un centro commerciale ad opera di alcuni ribelli della resistenza. Salvata Kay dall’inseguimento, Kaneda si unisce al gruppo della resistenza capeggiato da lei stessa e un uomo di nome Ryū, il quale vuole tentare un assalto ad uno dei grattacieli del governo per rapire il misterioso Akira. Kaneda coglie l’occasione per tentare di strappare Tetsuo dalle grinfie del colonnello.

Dalla fine della terza guerra mondiale il Paese non ha più avuto nessun governo stabile e duraturo ma solo una lunga serie di governi brevi e fragili, crollati alle prime difficoltà. Il governo in carica, di cui è membro il misterioso Nezu (in realtà un membro della resistenza e maggiore informatore di Ryū e Kay), deve far fronte alla gravissima crisi dovuta alla tremenda situazione economica, politica e sociale del paese. Il Colonnello Shikishima, capo dell’esercito, riferisce che la situazione sta per scoppiare e c’è il rischio imminente di una rivolta violenta. Inoltre diversi gruppi di fanatici religiosi aizzano le folle predicando al mondo la ricomparsa di “Akira il salvatore”, un misterioso individuo che dovrebbe ripulire la Terra dagli individui indegni di abitarlo e che, secondo i fanatici, è l’autore della grande esplosione a Tokyo che trent’anni prima diede inizio alla terza guerra mondiale. Nonostante questa grave situazione e la mancanza di fondi per le attività necessarie, il governo decide di continuare a stanziare maggiori finanziamenti per la costruzione di alcune strutture destinate ad ospitare una imminente edizione dei giochi olimpici e inoltre solleva il colonnello dall’incarico di supervisore del progetto Akira.

Laboratorio in cui è conservato Akira

Kaneda e i ribelli capeggiati da Kay trovano una via per accedere all’edificio in cui viene tenuto Tetsuo e arrivano ai piani alti attraverso un hovercraft rubato alle guardie; il prezzo tuttavia è la morte degli altri ribelli. Tetsuo si risveglia in una stanza e comincia ad essere vittima di tremende allucinazioni causate da tre bambini misteriosi. Da queste allucinazioni apprende l’esistenza di Akira e si convince che questo fantomatico individuo è in grado di dargli le risposte che cerca. Per questo decide di evadere dalla stanza in cui è tenuto prigioniero e di andare ad incontrare Akira. Durante il suo tragitto Tetsuo si imbatte in guardie militari, e qui scopre di essere un esper capace di uccidere solo guardando le sue vittime. Arrivato in una delle stanze più remote dell’enorme grattacielo in cui è imprigionato, Tetsuo fa la conoscenza dei tre esper che l’avevano tormentato fino a quel punto nei suoi sogni: Takashi, Masaru e Kiyoko, anch’essi risultati di esperimenti analoghi a quelli a cui è stato sottoposto il ragazzo. Tetsuo riconosce in Takashi lo strano bambino con cui ebbe l’incidente in moto. Bramoso di maggiori risposte Tetsuo ingaggia uno scontro telecinetico coi tre esper, uscendone vincitore. Nel frattempo Shikishima con le truppe lo raggiunge e nello scontro muoiono parecchi soldati. Anche Kaneda e Kay riescono a trovare Tetsuo, ma questi si rivela totalmente instabile e in un delirio di onnipotenza dimostra a se stesso di essere superiore a Kaneda attaccandolo per poi teletrasportarsi nel vuoto al di fuori dell’edificio. Ormai libero, Testuo comincia a percorrere le strade della città, manifestando sempre più i suoi poteri e contemporaneamente perdendone sempre più il controllo, arrivando ad uccidere un membro della gang di cui faceva parte, Yamagata. All’interno dell’edificio i tre esper rivelano i piani di Tetsuo e il colonnello fa arrestare Kaneda e Kay.

Nella cella Kay rivela a Kaneda lo scopo del gruppo di rivoluzionari che indaga sull’esistenza del “progetto Akira”, il progetto top secret per cui il governo ha stanziato fondi praticamente infiniti per tutto il dopoguerra. Kaneda apprende che il progetto Akira è un pozzo senza fondo di soldi statali a cui è destinato quasi tutto il bilancio annuale dello stato, rallentando vistosamente la ricostruzione post-bellica del paese. Questo ha aggravato e continua ad aggravare di anno in anno la crisi economica e sociale che ora devasta l’intera nazione. Misteriosamente la porta della cella si apre e i due possono fuggire.

Intanto, nel suo itinerario in cerca di Akira, Tetsuo compie stragi di ogni genere, al punto da essere acclamato egli stesso come “il nuovo Akira”, ritrovandosi in breve circondato da un esercito di fedeli tra i fanatici religiosi. Nel caos generato dalla presenza di Tetsuo, il Colonnello Shikishima (il più accanito sostenitore del progetto Akira) approfitta dell’ulteriore instabilità del governo già fragile e con un colpo di Stato prende il potere, instaurando un regime militare e opponendo le sue truppe all’avanzata di Tetsuo verso il villaggio olimpico. Nel frattempo i membri del governo vengono arrestati e nella fuga Nezu spara nel ventre a Ryū uccidendolo, sopravvissuto all’assalto del grattacielo, rivelandosi così come un uomo interessato solo al suo tornaconto e non alla resistenza. Lo stesso Nezu sopraffatto dalla sua salute cagionevole, successivamente perirà per le strade di Neo Tokyo nel suo disperato tentativo di non cadere nelle mani dell’esercito.

Kaneda e Kay trovano un membro della gang, Kaisuke, che rivela tutte le nefandezze compiute da Tetsuo e la morte di Yamagata. A quel punto Kay, sotto il controllo mentale dell’esper Kiyoko, viene portata via da Takashi per fermare Tetsuo. Quest’ultimo perde sempre più il senso della realtà: nel suo delirio di onnipotenza continua a dirigersi verso la città olimpica spazzando via ogni armata che il colonnello gli mette davanti. Arrivato nei sotterranei della città olimpica ingaggia un colossale combattimento telecinetico con Kay, tanto da portare in superficie il globo criogenico in cui è racchiuso Akira, mostrando che l’intera Olimpiade è una messa in scena per coprire gli altissimi costi del progetto Akira, e che la città olimpica non è nient’altro che una gigantesca copertura costata cifre folli: infatti sotto gli impianti sportivi sono sistemate tutte le strutture militari destinate al progetto, tra cui la “casa” del leggendario Akira e interi centri scientifici dedicati al suo studio. Sconfitta Kay, Tetsuo scoperchia l’involucro circondante Akira per scoprire solo dei tubi criogenici contenenti informazioni, lastre e parti anatomiche di un bambino. Akira in realtà è morto fin dal principio distruggendo Tokyo, e il progetto Akira aveva l’unico scopo di preservare gli innumerevoli risultati degli esperimenti compiuti sul corpo del bambino affinché gli scienziati futuri potessero carpire il segreto del suo immenso potere.

Nel frattempo Kaneda riesce a raggiungere Tetsuo tentando di convincerlo a redimersi, ad un suo rifiuto Kaneda attacca Tetsuo e i due ingaggiano uno scontro che si conclude col tempestivo arrivo di un raggio laser proveniente da un cannone satellitare comandato dal colonnello. Il raggio colpisce Tetsuo, distruggendogli un braccio. In tutta risposta Tetsuo vola fino a raggiungere il cannone nello spazio sub-orbitale e grazie ai suoi poteri lo fa disintegrare nell’atmosfera, causando distruzione per tutta la città. Tornato a terra, Tetsuo assembla per se stesso un braccio meccanico in sostituzione a quello distrutto, per poi trovare rifugio nello stadio olimpico in costruzione. Raggiunto da Kaneda, il Colonnello e gli esper, il corpo di Tetsuo, non riuscendo più a contenere l’immenso potere, si trasforma in una gigantesca e mostruosa ameba che inizia ad inglobare tutto quello che ha vicino cercando di schiacciare Kaneda e il colonnello mentre Kaori muore schiacciata. Gli esper riescono a richiamare il defunto Akira attraverso i suoi resti conservati e grazie a lui riescono a creare una sfera d’energia che inizia a “divorare” Tetsuo e tutto lo stadio. Kaneda, Kay e il colonnello vengono messi in salvo dagli esper che decidono di sacrificarsi per salvare Tetsuo e raggiungere Akira in un luogo sconosciuto, sostenendo comunque che un giorno sarebbero tornati.

Il ritorno di Akira causa una seconda esplosione che distrugge il centro di Neo Tokyo. Kaneda, Kay, Kaisuke e il colonnello riescono a sopravvivere mentre Akira scompare per sempre, così come Tetsuo. Quest’ultimo, raggiunti poteri divini, in un’altra dimensione dà inizio ad un nuovo Big Bang, pronunciando le parole: “Io sono Tetsuo”.

Paprika

TRAMA PAPRIKA – SOGNANDO UN SOGNO: da commingsoon.it

Paprika è una specie di viaggiatrice dei sogni, che aiuta le persone a capire meglio le proprie frustrazioni analizzando proprio i momenti onirici di chi le chiede aiuto, ma è anche l’alter ego della dottoressa che si occupa del progetto della DC-Mini, una macchina capace di analizzare registrare e interfierire nei sogni. Qualcuno però ruba due prototipi e può impadronirsi di tutti i sogni del mondo…

La ragazza che saltava nel tempo

Un ragazza adolescente scopre di avere l’abilità di saltare nel tempo, lei cercherà di sfruttare questa nuovo potere a suo vantaggio ma presto scoprirà che giocare con il tempo può portare a risultati alquanto spiacevoli.

Risultati immagini per La ragazza che saltava nel tempo

Che cosa ne pensate di questi film che ho citato?

wolf children ame yuki bambini lupo

aefY1uB9SsLgEKJO7AGAbQRYpbK

Trama:

Hana è una studentessa di diciannove anni che all’università incontra un ragazzo di cui si innamora. Questi le rivela di essere un uomo lupo, l’ultimo discendente dell’ormai estinto lupo giapponese. Ciononostante, i due si mettono insieme, e quando Hana scopre di essere incinta non si fa visitare per la paura che il bambino nasca lupo. Nove mesi dopo nasce Yuki (letteralmente, “neve”) in una giornata nevosa, e un anno dopo ancora viene alla luce il fratellino Ame (“pioggia”) in una giornata piovosa. Poco dopo la nascita del figlio il padre scompare: alla sua ricerca, Hana scopre della sua morte accidentale durante una battuta di caccia per procurare prede per i piccoli. Nonostante il dolore, la ragazza decide di crescere da sola i bambini, compito tutt’altro che facile per una donna sola, soprattutto considerando che questi bambini possono trasformarsi in lupi. Dopo che la padrona del condominio dove vivono minaccia di sfrattarli perché sospetta la presenza di animali (vietati dal regolamento condominiale) e che delle persone vengono a fare domande sui bambini che non sono stati sottoposti alle vaccinazioni programmate, Hana decide di trasferirsi in campagna per permettere ai figli di crescere senza problemi e di decidere se vivere da esseri umani o da lupi.

Ve lo consiglio di vedere! perché fa molto riflettere la tematica e sopratutto fa vedere anche la scelta dei figli in quanto predono strade diverse e sopratutto superano qualsiasi difficoltà.

The Guardian Brothers

Trama:

Nel mondo cinese c’è una forte crisi spirituale, gli umani non credono più agli Dei. Un Door God, di fronte a take crisi, si avventura nel mondo umano per dimostrare il suo valore. Nel frattempo una famiglia cinese rischia di perdere la sua attività, un negozio di zuppa di wonton che è stato passato di generazione in generazione per centinaia di anni…

Ve lo consiglio perchè in quanto fa vedere la cultura cinese

Precedente Re Leone 2019 Nuovo Trailer Successivo In una recente intervista l'attore di Ritorno al Futuro ha parlato delle sue condizioni di salute, dell'intervento chirurgico al quale è stato sottoposto mesi fa e della politica di Trump.